Un contratto è un documento legale che permette di mettere nero su bianco quanto stabilito tra il worker e l'employer in fase di colloquio.

Proprio per questa sua sacralità, è importante scegliere la tipologia di contratto più adatta per le varie situazioni.

Vediamo le forme più utilizzate di contratto:

Contratto a chiamata

È una forma di contratto che si presta particolarmente ad un lavoro saltuario o occasionale. Con questa tipologia di contratto è possibile lavorare un massimo di 400 giornate nell'arco di 3 anni.

Contratto a tempo determinato

Si tratta di una formula utilizzata per chi viene assunto in apprendistato o come lavoratore stagionale. La sua durata non può superare i 24 mesi.

Contratto a tempo indeterminato

Prevede, dopo un periodo di prova che non può superare i 6 mesi, l'inserimento stabile e definitivo in azienda.

Rifiuta il nero!

Le assunzioni in nero sono una pratica piuttosto diffusa nel settore Ho.Re.Ca. Restworld si impegna fermamente a condannare e a combattere questo genere di assunzioni, a favore di contratti regolamentari in cui il worker risulta tutelato in caso di ferie, malattie o infortuni sul lavoro.

Hai trovato la risposta?